COMUNICARE TURISMO COME FARE HUMAN TO HUMAN

Comunicare la fiducia oggi è una sfida importante, soprattutto nel turismo. Cos’è
cambiato dall’era pre-Covid, quando pianificare e prenotare un viaggio era un’azione
che si faceva spesso a cuor leggero?
Tutto, direte voi.

 

COMUNICARE FIDUCIA NEL TURISMO POST-COVID: COSA E’ CAMBIATO?

È vero che il Covid ha causato parecchi cambiamenti, ma avete mai
riflettuto su qual è quello che ha causato più danni al settore?
È crollata la fiducia.
Il Covid ci ha costretto a ripensare a tutte le azioni quotidiane che facevamo senza batter ciglio come prendere un treno, salire su un aereo, dormire in albergo, andare a cena o noleggiare una bicicletta, facendole diventare delle occasioni di possibile contagio.

COMUNICARE FIDUCIA NEL TURISMO POST-COVID: DA DOVE COMINCIARE?

Da dove ripartire quindi per comunicare la fiducia nel turismo?

Lo abbiamo chiesto a Santina Giannone, fondatrice dell’agenzia di comunicazione ReputationLab e speaker durante l’ultima edizione del TTG proprio sul tema

“Comunicare la fiducia: luoghi e progetti che sanno parlare human to human per un turismo a misura di persona”.

Parlare di fiducia è difficile perché coinvolge aspetti immateriali e sfuggenti della
percezione personale.

Da dove cominciamo?
Per poter costruire dei messaggi di comunicazione turistica che puntino a costruire la fiducia ci serve sapere, intanto, che ne esistono almeno due tipi:

la fiducia personale, ovvero quella che deriva dalla relazione diretta con le persone che conosciamo, e la fiducia sistemica, ovvero quella nel sistema in base a cui facciamo le nostre scelte economiche, sociali e quotidiane. Io posso fidarmi della mia Banca perché conosco il direttore, ma dovrò anche fidarmi del sistema per poter usare il Bancomat che mi danno in qualunque punto vendita.
Nel nostro caso sono crollate entrambe! Come fare a ripristinarle? Quali sono le componenti essenziali della fiducia per ricostruirla?

Tu hai scritto un libro, “Comunicare human to human” che parla molto di comunicazione e fiducia. 

Con il codice humantohuman è in promozione con il 10% di sconto e spedizione gratuita. Puoi trovarlo QUI.

Esistono delle componenti fondamentali, dei veri e propri “mattoni” della fiducia e li maneggiamo tutti i giorni, senza accorgercene. Per esempio:
la consapevolezza della diversità: per fidarci dobbiamo prima essere consapevoli che stiamo dialogando con qualcuno diverso da noi. Dall’accettazione della diversità nasce la fiducia.

 

COMUNICARE TURISMO COME FARE SANTINA GIANNONE
SANTINA GIANNONE, FOUNDER DELL’AGENZIA DI COMUNICAZIONE REPUTATION LAB E IL SUO LIBRO “HUMAN TO HUMAN”

 

COMUNICARE FIDUCIA NEL TURISMO POST-COVID: MIGLIORI TECNICHE DI COMUNICAZIONE

Uno strumento per mettere in pratica questa idea?

  • Raccontiamo la nostra destinazione e il nostro brand. Le storie sono uno strumento eccezionale per far vivere un’esperienza anche senza provarla realmente.
  • La condivisione di valori e obiettivi che stanno alla base del nostro progetto turistico. Questo ci aiuta tanto a non smarrirci nella valanga di comunicazioni online ogni giorno, ma a fare breccia nell’attenzione dei nostri potenziali clienti.
  • Infine: condizioni chiare, soprattutto per saper a chi imputare la responsabilità nel caso di problemi o disavventure. Scrivete in maniera chiara e comprensibile le policy di viaggio, più informazioni fanno sentire al sicuro i potenziali clienti!

 

COMUNICARE TURISMO COME FARE HUMAN TO HUMAN
“HUMAN TO HUMAN”, IL PREZIOSO MANUALE CON TUTTE LE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE DI SANTINA GIANNONE

 

COMUNICARE FIDUCIA NEL TURISMO POST-COVID: IL TURISMO CHE VERRA’

Quali sono i cambiamenti che hanno interessato il turismo più da vicino in questi mesi?

Moltissimi, ma alcuni di questi sono destinati a durare, per cui chiunque vuole comunicare un progetto turistico dovrebbe rifletterci.
Ad esempio il turismo oggi non è più questione di volumi, ma di qualità. Siamo passati ad un modello dal volume elevato al valore aggiunto.
Sono cambiate le priorità per chi viaggia: luoghi periferici e meno affollati sono spesso scelti come meta preferita per le vacanze.

Basta guardare le ultime campagne di comunicazione che esaltano il valore del silenzio, nella campagna pubblicitaria per il turismo in Norvegia, della tranquillità, nel più silenzioso tra i villaggi in Svizzera e del “no drama” (imperdibile Al Pacino!).

Inoltre c’è una grande corsa alla specializzazione e all’esperienza. I tour operator sono sempre più attenti a rivolgersi a pubblici molto specifici. Anche qui, qualche case histories: operatori turistici per viaggi senza aereo come Byway (l’aereo è il mezzo di trasporto a più alto impatto ambientale), oppure per chi vuole mettere al centro del suo viaggio una sorta di percorso terapeutico per riscoprirsi, come Dylan Grace, una famosa personal travel coach.
Ci sono ancora scelte che premiano la sostenibilità come Intrepid Travel, o progetti che puntano tutto sull’idea di esperienza, come il primo hotel effimero al mondo, 700,00 Heurs che cambia sede ogni sei mesi.

Sì, è proprio una rivoluzione!

 

COMUNICARE TURISMO COME FARE TTG
IL TTG DI RIMINI: LA PIU’ IMPORTANTE FIERA DEL TURISMO IN ITALIA

 

COMUNICARE FIDUCIA NEL TURISMO POST-COVID: 3 CONSIGLI PER INIZIARE

  1. Anzitutto è importante capire che i contenuti online e offline non sono solo uno strumento di vendita, ma anzitutto di relazione. E in quest’ottica vanno pensati e realizzati. Il dialogo e la relazione sono una fase importante che porta poi alla vendita.
    Per questo è fortemente sconsigliato dal fare contenuti identici su tutti i canali.
  2. Ricostruire la fiducia nella comunicazione turistica vuol dire anche saper essere specifici. Aprite solo i canali che potete nutrire se non con contenuti originali, almeno con contenuti riadattati al pubblico e al tono di voce.
  3. Infine: per essere rilevanti partecipate alle dinamiche del territorio e siate ambasciatori di quello che promuovete: l’attenzione e la fiducia umana sono stimolate soprattutto da contenuti dove ci sono interazioni umane.
    Costruire un piano di comunicazione a misura di fiducia non è semplice ed immediato, ma è necessario. Per questo partite proprio dai “mattoni” essenziali della fiducia per progettare e creare contenuti chiari, affidabili e molto umani.

Ringrazio Santina Giannone per essere stata ospite nel mio travel blog e averci dato tanti consigli utili su come parlare alle persone, oggi, nell’ambito del viaggio.

Se volete saperne di più di comunicazione, fiducia e tante altre news su questo settore, potete dare un’occhiata al blog di Reputation Lab e iscrivervi alla newsletter del lunedì: tanti spunti interessanti e utili per chi vuole comunicare meglio!


Se continua ad interessarti l’argomento, potresti leggere un altro articolo, scritto interamente da me (quindi con un’autorevolezza sull’argomento lontana anni luce da quella di Santina Giannone!!!) sul discusso cortometraggio di Gabriele Muccino, Calabria Terra Mia, dove metto nero su bianco le mie riflessioni.

Infine ti invito a seguirmi, se ti va, su Instagram come EOS.DISCOVERY dove posto a tempo reale il mio girovagare per il mondo!

Ciao viaggiatori, alla prossima!

EOSDISCOVERY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *